È morta una stella

Chi veramente noi siamo

 

La parola nudo, quando l’incontro, mi scoppia nella testa,
   tanto l’abbiam caricata di mistero e di divieti.
Di questi mi libero quando mi spoglio ridicoli!
Eppur pesano come macigni, pietroni squadrati di profonde segrete.
Siamo appesi a catene, esangui e diafani, sudati e cisposi.
Come fedi, bracciali di ferro ci tengon mani e piedi sposati.
Siam cresciuti senz’altro deformi, manco uno che sia rimasto qual era.
Fan male le ossa se per caso ti togli le fasce da mummia.

È grande peccato, uno scandalo, un obbrobrio inguardabile.
Nonne che copron gli occhi ai nipoti se passano in spiaggia donne col tanga.
E si girano in Austria bambinetti innocenti se ci vedono nudi lungo i sentieri.
Vesti che son diventate camicie di forza, obbligati nel credere alla stessa dottrina.

Sotto i vestiti siam tutti dei Superman, un poker d’assi nelle mutande;
   crisalide di variopinta farfalla che schiude quando Frate Indovino lo dice.
Ma guardatemi pure che è come mi guardaste negli occhi.
E toglietevi anche voi i neri occhialacci, che tanto non c’è nulla di strano o speciale,
    a tutti ci han dato le medesime carte, non una briscola in più.

C’inventiamo finti tesori per ricavarne un’oncia precaria di più,
   millantiamo numinosi poteri, facciam sacrifici e tutto ci è sacro.
L’elastico alto col marchio di Armani è il cilicio di noi penitenti:
   che cosa peraltro dobbiamo scontare nessuno è mai venuto a spiegarlo:
   vivendo scontiam la cambiale che ci han fatto firmare nascendo.

E poi subito un bel pannolino da portar poi per tutta la vita
Ci facciamo burattini e feticci, statuine di santi e madonne
   per la recita in maschera:
che tanto non sappiam più chi realmente noi siamo.

 

Cremignane, 26 dicembre 2017, ore 5,15

 

 

Mi dice chi sono Un corpo che se ne va


Creative Commons License

Chi veramente noi siamo by Vittorio Volpi
distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.

On line dal 17 agosto 2018

Copyright © Vittorio Volpi - 2017