Il sentor della vita

Il sentor della vita

 

Un profilo di vette dentellate si staglia di contro l’azzurro.
Su quel crinale corre il nostro sentiero. Prudenza s’impone.
Camminiam sull’abisso, la vertigine incanta ed attira.
La brezza c’inebria, ci riempie i polmoni, ci entra il vero e il reale.
Ci stringiamo la cintura sul petto: il cuore vorrebbe scoppiare;
il sapore del sangue ci sale su in bocca, tanto è in tumulto.
I nervi s’aggrappano a tutti gli appigli, tutti i pensieri son buoni.

Il tutto dintorno è stupendo: ogni foglia, sasso, filo d’erba ha il suo raggio di sole.
Osserviamo dove poggiare il prossimo passo... e vediam giù da basso.
Nemmen troppo avanti possiamo guardare: c’è troppo pericolo.
Passo per passo, con tutta attenzione, ci basta avanzare di un poco sicuro.
Ogni tanto, a sorpresa, un piccolo poggio. Distesi facciamo una sosta.
Guardiamo nel cielo. Gli occhi si riempion di luce, di vasto, d’azzurro.
Ci ristoriamo, riprendiamo il respiro, ammirati osserviamo.

Durante la marcia non possiamo distrarci e ci pressa l’andare.
Potremmo anche fermarci, nessuno ci spinge, non c’è una missione.
Forse all’arrivo capiremo il motivo del viaggio e perché sopra un filo.
Abbiamo una mente bramosa, vorrebbe sapere e saziarsi;
vive di caccia e ricerca, e poi sempre riparte, fin troppo zelante.

Il cuore è più saggio, nulla ricerca, come già fosse sazio.
S’ingrandisce di meraviglie, non ha spazio per tutte.
Prende tempo e contempla: ogni attimo ha la sua pace.
Si sente come un piccolo sole: tutto luce, vita e calore.
Ogni attimo ha la sua eternità e poi tutti si fondono in uno.
Cambia il sentor della vita, non c’è tutto né parti, né vette né cielo,
siam vivi, del viver coscienti, dentro quell’immenso chiarore e cociore.

Lamento la mancanza del duale nella morfologia dell’italiano, che mi costringe a lasciare indeterminata la pluralità del noi. Capisca il lettore come può.

Cremignane, 22 aprile (6:50)

 

 

Conchiglia di nautilo L’accadere dei fatti


Creative Commons License

Il sentor della vita by Vittorio Volpi
distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.

On line dal 22 aprile 2013

Copyright © Vittorio Volpi - 2013