Una stretta alla mano

Una stretta alla mano

 

Sento nel corpo mille suggerimenti all’azione: vuol sentir che è vivo!
Gli ormoni fantasticano su come uscir di prigione, e darsi da fare.
M’allettano con immagini di eventi in cui esser protagonista.
Il corpo è attratto dalla presenza d’altri corpi, nitrisce fra sé.
Scalpita, smania, si vuol liberar dalle briglie e correre all’impazzata.
Mi stuzzica desideri, mi solletica luoghi sensibili, giocherelloni.
S’ingrandiscono come il genio di Aladino: è questa la strada:
dove trovo fatti di vita, un dialogo a fatti con qualcuno presente.

Terrori ci posson paralizzare, ma le cortine cadon da sole senza comando.
La coscienza si straluna, bada solo al presente, l’intorno è sfocato.
Son dentro un vortice morbido. Giro, giro senza più volontà.
Una corrente velocissima s’avvolge a spirale sempre più larga e più alta.
Fin dove vuol giungere? Che non ho mai visitato simili mondi!
E sono in me. Così è fatta la vita? Il corpo stesso ci fionda nell’infinito.
La vita è un dono per i corpi e i corpi un dono alla vita.

I corpi mortali rendono intemporale la vita, fin che si tramanderanno...
La vita ricompensa i corpi d’un’ardenza intensa e diffusa che li ripaga di tutto.
Daresti la vita per quei corpi che ami, dai vita tu stesso a corpi che ami.
Indissolubile intreccio: in vicenda incessante s’impregnan di vita.
Barlumi capiamo di quel che ci accade e trascende. Non possiamo di più.
Un cielo stellato sopra di noi (minimi coefficienti elevati all’intera potenza).

La mente è attonita, ammutolita dalla gran meraviglia, non tutto né bene capisce,
compiaciuta e commossa che un fatto, pur minimo, attinga all’immenso ed eterno.
Il cuore si sente compresso nel petto, il respiro non basta all’affanno.
E poi tutto si calma in un bacio, uno sguardo, una carezza, una stretta alla mano.

 

Cremignane, 28 settembre 2014 (7:30)


La nota di adesso Famiglie


Creative Commons License

Una stretta di mano by Vittorio Volpi
distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.

On line dal 28 settembre 2014

Copyright © Vittorio Volpi - 2014